10 settembre 2012

MILANO: AL VIA IL REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI

Con deliberazione n. 30 del 26 luglio 2012 il Consiglio Comunale di Milano ha approvato il Regolamento sull'istituzione del Registro delle Unioni Civili. Nel Regolamento è stata definita l'organizzazione e la disciplina per l'iscrizione e la cancellazione nel registro amministrativo delle Unioni Civili.
L'iscrizione può essere richiesta da due persone maggiorenni, di sesso diverso o dello stesso sesso, di qualsiasi nazionalità, residenti, coabitanti anagraficamente nel Comune di Milano e iscritti sul medesimo stato di famiglia. Nel caso in cui gli stessi non siano residenti, coabitanti e iscritti sul medesimo stato di famiglia è necessario rivolgersi prima presso qualsiasi sportello anagrafico per effettuare la variazione.
Gli interessati non devono essere legati tra loro da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela e non devono appartenere al alcuna altra forma di Unione Civile, comunque riconosciuta.

Come iscriversi
Le iscrizioni nel registro avvengono esclusivamente sulla base di una domanda presentata congiuntamente dagli interessati unicamente su appuntamento presso l'Ufficio del Registro delle Unioni Civili dell'Anagrafe di Via Larga 12 - secondo piano  - stanza 231, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,00 e dalle 14,30 alle 15,30.
Per fissare l'appuntamento è possibile:
• contattare telefonicamente i seguenti numeri: 02.884.62270 - 02.884.62273 - 02.884.62274 dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 12,00 e dalle 14,30 alle 15,30.
• via e-mail alla casella DSC.RegistroUnioniCivili@comune.milano.it
All'atto della presentazione della domanda occorre che gli interessati si presentino entrambi con un valido documento d'identità. La domanda dovrà essere corredata da un bollo di Euro 14,62. L'attestazione che sarà emessa al termine della registrazione ha un costo di Euro 15,14.

Attenzione:
L'iscrizione nel Registro non può essere richiesta da coloro che facciano già parte di una diversa unione civile, i cui effetti non siano cessati al momento della domanda di iscrizione, né dalle persone coniugate fino al momento dell'annotazione della separazione personale sull'atto di matrimonio.


Come cancellarsi
La cancellazione dal registro delle unioni civili avviene nei seguenti casi:

• cessazione della situazione di coabitazione e/o di residenza nel Comune di Milano di uno o entrambi i componenti dell'Unione Civile (cancellazione d'ufficio dal registro) ;
• cessazione dei rapporti affettivi e/o reciproca assistenza morale e/o materiale (cancellazione su richiesta di una o di entrambe le parti interessate). La richiesta di cancellazione, unitamente ai documenti di identità dei dichiaranti dovrà essere inviata all'Ufficio Registro delle Unioni Civili secondo le seguenti modalità:

• via fax al Protocollo del Settore Servizi al Cittadino: 02.884.60164;
• via email alla casella di Posta Elettronica Certificata (PEC): protocollo@postacert.comune.milano.it
• via posta raccomandata all'indirizzo: Comune di Milano - Settore Servizi al Cittadino - Ufficio Registro delle Unioni Civili - Via Larga 12 Milano

Nel caso di richiesta di cancellazione di una sola parte interessata, il Comune provvederà a inviare all'altro componente una comunicazione.



Effetti dell'iscrizione nel Registro
In base al Regolamento per il riconoscimento delle Unioni Civili, il Comune di Milano si impegna a tutelare e sostenere le unioni civili, al fine di superare situazioni di discriminazione e favorirne l'integrazione nel contesto sociale, culturale ed economico del territorio.
Le aree tematiche entro le quali gli interventi sono da considerarsi prioritari sono:
a) casa;
b) sanità e servizi sociali;
c) politiche per i giovani, genitori e anziani;
d) sport e tempo libero;
e) formazione, scuola e servizi educativi;
f) diritti e partecipazione;
g) trasporti.

Gli atti dell'Amministrazione devono prevedere per le unioni civili condizioni non discriminatorie di accesso agli interventi in tali aree, evitando condizioni di svantaggio economico e sociale, nel quadro generale della particolare attenzione alle condizioni di disagio economico-sociale.

All'interno del Comune di Milano, chi si iscrive al registro è equiparato al “parente prossimo del soggetto con cui si è iscritto” ai fini della possibilità di assistenza.

L'Amministrazione Comunale rilascia, su richiesta degli interessati secondo le modalità sopra descritte, attestato di “unione civile basata su vincolo affettivo” inteso come reciproca assistenza morale e materiale, ai sensi dell'art. 4 del Regolamento anagrafico, in relazione a quanto documentato dall'Anagrafe della popolazione residente (D.P.R.223/1989).

Il riferimento famiglia anagrafica contenuto nell'art. 4 del D.P.R. 223/1989 va inteso in senso esclusivamente anagrafico, in considerazione della differenza tra le unioni civili, come formazioni sociali, previste e tutelate dall'art. 2 della Costituzione e la famiglia, prevista e tutelata dall'art. 29 della Costituzione.
L'attestato è rilasciato per i soli usi necessari al riconoscimento di diritti e benefici previsti da Atti e Disposizioni dell'Amministrazione comunale.


QUI e su comune.milano.it  tutte le informazioni e i moduli da scaricare per presentare la domanda.