06 maggio 2011

EASYJET: SPERIAMO CHE QUESTA FAMIGLIA PIACCIA A GIOVANARDI

C’è chi scrive istant book, e chi esce con campagne pubblicitarie istantanee, riprendendo fatti di cronaca o polemiche ancora freschi di stampa. E' il caso di easyJet e della sua ultima inserzione a tutta pagina su Il Fatto Quotidiano di qualche giorno fa (sabato 30 Aprile 2011). La compagnia aerea ha deciso di farsi beffa di Carlo Giovanardi e della sua ultima infelice uscita sulla pubblicità dell'IKEA. Nei giorni scorsi il sottosegretario, con delega alla famiglia, aveva additato come "contro la Costituzione" lo slogan "Siamo aperti a tutte le famiglie". Scritta che campeggiava sopra l’immagine di una coppia di uomini mano nella mano a fianco dell’inconfondibile borsone giallo che si usa per fare spesa daIKEA. Diversa è l’immagine utilizzata da easyJet: un ritratto di famiglia i cui componenti sono delle pinne di plastica rigorosamente arancione, il colore della compagnia a basso costo. Su ognuna la scritta di una località balneare raggiungibile in aereo, come Maiorca, Atene e Malta. Ma il colpo di pinna arriva nello slogan: "Speriamo che questa famiglia piaccia a Giovanardi". Il difficile per il bacchettone berlusconiano (binomio che equivale a un ossimoro) viene ora. Sarà un’impresa infatti riuscire a dare una sessualità marcata a delle pinne. E se si trattasse di coniugi pinne omosessuali (con tanto di figli adottivi, per giunta)?

Fonte: Mario Mieli