19 settembre 2011

"LEI E LE ALTRE" IN MOSTRA A MILANO

La moda e lo stile attraverso l'editoria dal 1930 ai giorni nostri sono i protagonisti della mostra "LEI e le altre", in programma a Milano dal 15 settembre al 15 ottobre presso il Palazzo della Permanente. Curata da Maria Luisa Frisa e organizzata dalla divisione femminili di RCS in collaborazione con la Fondazione Rizzoli del Corriere della Sera, con il patrocinio del Comune di Milano.
"LEI e le altre" racconta la moda, ma anche la società e il costume intrecciando i periodici femminili, di moda, di attualità di RCS fin dalle origini, a partire da "Lei" - uno dei primi periodici Rizzoli e tema attorno a cui si muove il progetto di ricerca nel complesso – passando per molteplici testate fra cui Amica, Annabella, Bella, Brava, Brava Casa, Cinema Illustrazione, Cine Illustrato, La Donna, L'Europeo, Lunapark, Max, Novella, Novella 2000, Oggi, Sogno.
Una storia dell'editoria di moda italiana per ricostruire la storia della moda (da un punto di vista italiano e soprattutto della moda italiana) e di come è stata fotografata, raccontata, impaginata, per essere accessibile al grande pubblico. Una sorta di "Atlante" concepito come mappatura non gerarchica, che seleziona e confronta materiali storici e di oggi in un affascinante e istruttivo percorso visivo che valorizza discorsi, rinnova iconografie e riscopre scritture.
Diversi i nuclei espositivi: dal nastro wallpaper delle copertine dei periodici Rizzoli posto all'ingresso, alla consistenza dei temi che è invece svolta nella grande sala al primo piano con un display a restituire l'incalzare della rotativa, la scansione del timone e la leggerezza della carta e delle riviste. Quattro le macro-aree tematiche: "Moda/Stile", "Femminismo/Femminismi", "Casa/Design" e "Attualità/Costume". Nella mostra sono presenti anche i materiali provenienti dall'archivio RCS: le collezioni di periodici e le famose buste gialle dell'archivio - con ritagli e foto originali - organizzate e avvicinate per temi e personaggi e una rassegna stampa interattiva, dove i contributi, i servizi e gli articoli più interessanti sono riprodotti e consultabili su iPad. Infine, gli spezzoni di alcuni dei film prodotti e distribuiti da Rizzoli (fra cui "La Signora di Tutti", "La Dolce Vita", "", "Deserto Rosso", "Satyricon", "Umberto D.") in una serie di montaggi realizzati specificamente per questo progetto.

Parte di un ampio progetto anche editoriale, "LEI e le altre" è anche il titolo del libro di Maria Luisa Frisa, edito da Marsilio, che viene presentato in concomitanza con la mostra. Il libro affronta l'universo Rizzoli partendo proprio dalla sua nascita: rotocalchi e cinema hanno infatti rappresentato fin dagli anni trenta il centro dell'attività di Angelo Rizzoli, che può essere quindi considerato il primo editore italiano moderno e multimediale. Nel libro, che si configura come un'operazione di post-production, una rivista fatta di riviste, Maria Luisa Frisa attraversa il corpus dei periodici utilizzando tre categorie per raggrupparle: riviste specificamente di moda; femminili; rotocalchi e riviste legate all'attualità. Come nella mostra, ogni doppia pagina illustra uno o due fra i molteplici temi individuati. Per evidenziare alcuni temi centrali e mettere in luce gli aspetti più interessanti dei femminili Rizzoli, i testi che completano le pagine sono estratti da articoli originali.


"LEI e le altre e le altre"

Palazzo della Permanente
Via Turati, 34 - Milano
15 settembre - 15 ottobre
Ingresso libero
Lunedì - Domenica: 10.00-19.30; Giovedì fino 10.00-22.00