30 ottobre 2009

OBAMA FIRMA LA LEGGE LE CONTRO VIOLENZE SUGLI OMOSESSUALI

La Casa Bianca aveva promesso di passare all'azione sulla questione dei diritti civili e Barack Obama ha firmato ieri una legge specifica contro le violenze nei confronti dei gay. Il testo - un allegato al budget della Difesa - prende il nome di Matthew Shepard, studente di college torturato e ucciso nel 1998, e di James Byrd, un uomo di colore che nello stesso anno fu legato a un'auto e trascinato per diversi chilometri a Jasper, in Texas. Infatti, con la nuove legge le violenze contro i gay vengono accomunate a quelle scatenate da motivi razziali, religiosi o etnici. Ogni anno sono oltre mille negli Stati Uniti i crimini commessi sulla base della discriminazione sessuale. La firma di Obama conclude una lunga battaglia da parte delle associazioni per i diritti dei gay, da ultima la Human Right Campaign, l'organizzazione davanti alla quale il presidente ha parlato poche settimane fa per promettere di recuperare i presunti ritardi della sua amministrazione sui diritti civili. L'accusa principale è quella di non aver mantenuto la promessa elettorale di abrogare la norma che consente ai gay di far parte dell'esercito solo a condizione che non dichiarino esplicitamente il proprio orientamento sessuale.