18 luglio 2011

STOP OMO-TRANSFOBIA: CONTRO OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE E VIOLENZA

Domani 19 luglio la Camera dei Deputati dovrà esprimersi, con un voto, sulla proposta di Legge contro l'omofobia e la transfobia, ma, prima ancora, sulle pregiudiziali di costituzionalità al testo stesso, la cui approvazione rischia di bloccare l'iter di votazione della Legge.
Le pregiudiziali di costituzionalità presentate alla Camera dai gruppi parlamentari del PdL, della Lega e dell'UdC contro la legge anti omofobia e transfobia costituiscono un vergognoso atto di discriminazione e di integralismo con le quali il Parlamento italiano si sottrae al suo dovere primario: porsi al servizio delle cittadine e dei cittadini, soprattutto, come in questo caso, di quelli per i quali la Costituzione impone, all'articolo 3, la rimozione degli ostacoli al
conseguimento di una piena ed autentica eguaglianza e libertà. Perché se si insulta qualcuno in ragione del suo credo religioso si viene puniti espressamente dalla legge, mentre se analogo atteggiamento persecutorio lo si ha nei confronti di una persona gay, lesbica o transessuale non si viene puniti con una specifica previsione di legge? Perché, allora, non estendere alle persone omosessuali e transessuali la Legge Mancino? Il Parlamento abbia il coraggio anche in questo caso di assumersi delle responsabilità e non di ribaltarle. La tutela, anche dal punto di vista penale, delle persone LGBT è oramai patrimonio di gran parte dei paesi occidentali;l'Italia da che parte del mondo sta?
Con queste pregiudiziali il Parlamento italiano rischia di commettere un'ulteriore violenza contro le molte persone omosessuali e transessuali vittime di numerosissimi casi di bullismo, aggressione, violenza e discriminazione. E' dunque una battaglia che riguarda indistintamente tutti e tutte, dalle associazioni laiche a quelle cattoliche, dai movimenti per i diritti civili a quelli per i diritti sociali ed è per questo che Arcigay rivolge un appello a tutte le persone e le associazioni che credono nella Democrazia, nella Giustizia, nella Dignità e nell'Eguaglianza
perché si mobilitino per aiutarci a dire NO ad una gravissima ingiustizia.
Aiutiamoci tutti e tutte a cambiare l'Italia per farne un Paese europeo.

Domani 19 Luglio 0re 18.00 - Milano, Porta Venezia: SIT IN CONTRO L'OMO-TRANSFOBIA
Per info: infocig@arcigaymilano.org - segreteria@arcigaymilano.o​rg